LA FAMIGLIA RICCI

Una famiglia, cresciuta nel “giardino degli ulivi”
produce olio di qualità, oggi esportato in tutto il mondo

<<Prev Next>>

Il “fondo con gli ulivi” o il “giardino”, come il vecchio Pasquale Ricci soleva chiamarlo per via degli aranci, limoni e mandarini piantati all'ombra dei secolari alberi di ulivo in quel di Vieste sul Gargano, era luogo di indimenticabili scampagnate estive.


La “torre”, una spoglia costruzione di tufo dipinta di candida calce, era il luogo delle patate sotto la cenere e dei soffritti di peperoni e melanzane lasciati raffreddare nella notte su una delle colonne di pietra del pergolato al fine di preservarla da occhi (e nasi) indiscreti e poterla gustare, come vuole la tradizione contadina, la mattina a colazione, insaporita dalla salsedine lasciata dal vento.
Il figlio Sante aveva scelto anni addietro, presto orfano dell'adorata e giovane madre, la carriera militare nell'Arma e con i proventi siciliani del famoso Gruppo Repressione Banditismo, all'epoca del bandito Giuliano, aveva acquistato altri poderi limitrofi e l'olio extra vergine del “giardino” aveva per molti anni continuato a insaporire “acque sala” (panzanelle), “sbarrune arrustute” (orate arrostite) e “patene arriganete” (patate al forno con origano).


Ma tutti i giardini sono tali fino a quando l'amore dell'uomo può donare loro le cure necessarie e quando la vecchiaia del nonno Pasquale fu più forte delle sue braccia e i suoi limpidi occhi azzurri, frutto di una delle tante dominazioni ottomane, assunsero il colore del mare d'autunno, il “giardino” dovette essere venduto.
Di esso rimasero indelebili i profumi, i sapori e la passione per i suoi prodotti.


Moti anni dopo il giovane Pasquale Ricci e suo fratello Francesco, nati e cresciuti a Lanciano in Abruzzo, vissuti lontano dai luoghi del ricordo e da tempo funzionari rispettivamente della Provincia di Perugia e della Banca Popolare di Lanciano, avvertirono irresistibile il bisogno di ritrovare le proprie radici e di rinnegare finalmente l'alienante, monotono, inappagante “sicura” vita di impiegati.


La passione per gli antichi sapori e profumi della loro terra di nascita, gli insegnamenti e il sostegno del loro padre Sante e i legami con quel mondo contadino li portarono a ritrovare il loro amore per l'olio extra vergine e per quelle originalissime usanze quali l'olio al limone, prodotto tipico della Frentania, mai apprezzato al di là dei confini regionali. La scommessa fu quella di far sì che quei prodotti eccellenti e misconosciuti potessero conquistare, con un sapiente e innovativo recupero delle tradizioni produttive e con un'originalissima azione di marketing, l'apprezzamento di gastronomi e appassionati di tutti il mondo. Lo stile italiano nei mercati internazionali, La R & R, fondata nel 1991, nasce per produrre e commercializzare un prodotto tipico della Frentania: l'olio al limone.


CONTINUA